Camera dei deputati

Vai al contenuto

Sezione di navigazione

Menu di ausilio alla navigazione

Cerca nel sito

dal 29/04/2008 - al 14/03/2013

Vai alla Legislatura corrente >>

MENU DI NAVIGAZIONE PRINCIPALE

Vai al contenuto

Per visualizzare il contenuto multimediale è necessario installare il Flash Player Adobe e abilitare il javascript

INIZIO CONTENUTO

MENU DI NAVIGAZIONE DELLA SEZIONE

Salta il menu

Strumento di esplorazione della sezione Europa e Estero Digitando almeno un carattere nel campo si ottengono uno o più risultati con relativo collegamento, il tempo di risposta dipende dal numero dei risultati trovati e dal processore e navigatore in uso.

salta l'esplora

Sentenze della Corte di Giustizia dell'UE

La sezione raccoglie gli estremi delle sentenze della Corte di Giustizia dell'Unione europea (CGUE) che, dal mese di dicembre 2011, a seguito della loro pubblicazione sul sito della medesima, sono state trasmesse alle Camere dal Governo (Dipartimento per le politiche europee della Presidenza del Consiglio dei ministri) e assegnate alle Commissioni parlamentari competenti per materia ai fini di un loro possibile esame, ai sensi dell'articolo 127-bis del Regolamento della Camera dei deputati.

Si tratta delle sentenze in cui lo Stato italiano o altro ente pubblico territoriale italiano sono parte - anche interveniente - nella causa dinanzi alla CGUE e delle sentenze relative a procedimenti avviati a seguito di rinvio pregiudiziale da parte di un'autorità giudiziaria italiana. Attraverso uno specifico collegamento ipertestuale è possibile consultare il testo integrale di ciascuna sentenza.


  • Causa n.: C-396/09
    Assegnazione: II COMMISSIONE (GIUSTIZIA)
    In data: 05/12/2011
    Causa n. :
    C-396/09
    Assegnazione:
    • II COMMISSIONE (GIUSTIZIA)
    In data:
    05/12/2011
    NOTA DI SINTESI:

    La sentenza ha ad oggetto l'interpretazione del regolamento (CE) del Consiglio 29 maggio 2000, n. 1346, relativo alle procedure d'insolvenza (con riferimento in particolare alle nozioni di "centro degli interessi principali" del debitore e di "dipendenza" previste dall'articolo 3 ai fini dell'individuazione del giudice competente) nonché la compatibilità con il diritto dell'Unione dell'art. 382 c.p.c., in materia di decisione delle questioni di giurisdizione e di competenza.

    L'art. 382 c.p.c. dispone che la Corte di Cassazione, quando decide una questione di giurisdizione, statuisce su questa, determinando, quando occorre, il giudice competente. Secondo giurisprudenza consolidata, tale statuizione è definitiva e vincolante per il giudice investito del merito della causa.

    Nella fattispecie oggetto della controversia principale il convenuto aveva contestato la giurisdizione del giudice italiano adito attraverso azione di fallimento in quanto riteneva erronea l'interpretazione che la Corte di Cassazione aveva dato del citato regolamento in sede di risoluzione della questione di giurisdizione.

    La Corte di giustizia ha previamente dichiarato che il diritto dell'Unione osta a che un giudice nazionale sia vincolato da una norma di procedura nazionale ai sensi della quale egli deve attenersi alle valutazioni svolte da un giudice nazionale di grado superiore, qualora risulti che le valutazioni svolte dal giudice di grado superiore non sono conformi al diritto dell'Unione, come interpretato dalla Corte.

    La Corte - chiarendo che la nozione di "centro degli interessi principali" del debitore deve essere interpretata con riferimento al diritto dell'Unione - ha definito la medesima privilegiando il criterio del luogo dell'amministrazione principale della società debitrice, come determinabile sulla base di elementi oggettivi e riconoscibili dai terzi. La Corte inoltre - con riferimento alla presunzione di cui all'art. 3, par. 1, del Reg. (secondo la quale, per le società e le persone giuridiche, si presume che il "centro degli interessi principali" sia il luogo in cui si trova la sede statutaria): da un lato, ha escluso che tale presunzione sia superabile nel caso in cui gli organi direttivi e di controllo della società si trovino presso la sua sede statutaria e qualora le decisioni di gestione di tale società siano assunte, in maniera riconoscibile dai terzi, in tale luogo; dall'altro ha stabilito i limiti entro cui la presunzione è superabile nel caso in cui il luogo dell'amministrazione principale di una società non si trovi presso la sua sede statutaria. Con riferimento, poi, alla nozione di "dipendenza", la Corte ha infine chiarito che deve intendersi la presenza di una struttura implicante un minimo di organizzazione e una certa stabilità ai fini dell'esercizio di un'attività economica.

  • Inadempimento di uno Stato - Aiuti di Stato - Aiuto a favore della New Interline SpA - Recupero.

    Causa n.: C-454/09
    Assegnazione: X COMMISSIONE (ATTIVITA' PRODUTTIVE, COMMERCIO E TURISMO)
    In data: 22/12/2011

    Inadempimento di uno Stato - Aiuti di Stato - Aiuto a favore della New Interline SpA - Recupero.

    Causa n. :
    C-454/09
    Assegnazione:
    • X COMMISSIONE (ATTIVITA' PRODUTTIVE, COMMERCIO E TURISMO)
    In data:
    22/12/2011
    NOTA DI SINTESI:

    La sentenza stabilisce che la Repubblica Italiana, non avendo nei termini stabiliti adottato tutti i provvedimenti necessari a recuperare presso i beneficiari l'aiuto per il salvataggio concesso in favore di New Interline SpA (impresa produttrice di poltrone e divani, di seguito «New Interline») sotto forma di garanzia statale pari a 2,75 Milioni di euro, aiuto dichiarato illegittimo e incompatibile con il mercato comune dalla decisione della Commissione 16 aprile 2008 2008/697/CE, è venuta meno agli obblighi ad essa incombenti ai sensi degli artt. 249, quarto comma TCE nonché 2 e 3 della suddetta decisione.

    La Corte ribadisce come, in base a una costante giurisprudenza, lo Stato membro destinatario di una decisione di recupero di aiuti di Stato è tenuto al rispetto del principio di effettività in forza del quale deve garantire che le procedure nazionali adottate consentano un recupero effettivo ed immediato, rispettoso dei tempi stabiliti dalla Commissione.

    Ai sensi della consolidata giurisprudenza in materia, inoltre, la Corte ritiene che i motivi addotti dal Governo italiano per giustificare il mancato recupero degli aiuti illegittimamente concessi - ossia che l'avvio di una procedura fallimentare ostava a qualsiasi azione dei creditori della New Interline diretta al recupero dei loro crediti - non siano tali da impedire di dare esecuzione alla decisione 2008/697/CE, dal momento che il ripristino della situazione anteriore e l'eliminazione della distorsione della concorrenza risultante dagli aiuti illegittimamente erogati possono essere conseguiti, in linea di principio, con l'iscrizione al passivo fallimentare del credito relativo alla restituzione degli aiuti in questione.

    La Corte osserva come invece le procedure attivate dall'Italia non abbiano consentito il recupero entro il termine di quattro mesi fissato al 18 agosto 2008 dall'art. 3, n. 2, della decisione 2008/697/CE citando, ad esempio, come la richiesta da parte dell'Italia d'iscrizione al passivo della New Interline del credito relativo al recupero dell'aiuto in questione sia avvenuta solo il 31 ottobre 2008.

    Sempre riferendosi alla giurisprudenza consolidata, la Corte precisa infine che l'iscrizione nell'elenco dei crediti di quello relativo alla restituzione degli aiuti in questione consente di porsi in regola con l'obbligo di recupero solo qualora, nel caso in cui le autorità statali non possano recuperare integralmente l'importo degli aiuti, la procedura concorsuale giunga alla liquidazione dell'impresa, ossia alla cessazione definitiva della sua attività, che le autorità statali possono provocare in qualità di azionisti o creditori. Nell'avviso della Corte, dalle spiegazioni fornite dalla Repubblica italiana in udienza, rimane incerto se la New Interline abbia continuato le sue attività dopo l'apertura della procedura di concordato preventivo e, in particolare, dopo la scadenza del termine previsto dall'art. 3, n. 2, della decisione 2008/697.

  • Commissione / Italia

    Causa n.: C-302/09
    Assegnazione: II COMMISSIONE (GIUSTIZIA)
    In data: 05/12/2011

    Commissione / Italia

    Causa n. :
    C-302/09
    Assegnazione:
    • II COMMISSIONE (GIUSTIZIA)
    In data:
    05/12/2011
    NOTA DI SINTESI:

    La sentenza stabilisce che la Repubblica Italiana, non avendo adottato, nei termini stabiliti, tutte le misure necessarie a recuperare presso i beneficiari gli aiuti concessi in base al regime di aiuti dichiarato illegittimo e incompatibile con il mercato comune dalla decisione della Commissione 25 novembre 1999, 2000/394/CE, relativa alle misure di aiuto in favore delle imprese nei territori di Venezia e di Chioggia previste dalle leggi n. 30/1997 e n. 206/1995, recanti sgravi degli oneri sociali, è venuta meno agli obblighi ad essa incombenti ai sensi dell'art. 5 di detta decisione.

    In particolare la Corte ritiene che i motivi addotti dal Governo italiano per giustificare il mancato recupero degli aiuti illegittimamente concessi - ossia l'esistenza di un contenzioso in corso presso le autorità giudiziarie nazionali e le difficoltà collegate alla necessità di individuare le imprese obbligate a restituire detti aiuti - non costituissero un'impossibilità assoluta di dare esecuzione alla decisione 2000/394/CE, ai sensi della consolidata giurisprudenza in materia.

    La Corte, inoltre, osserva che, nel corso della procedura di recupero degli aiuti illegittimi, il legislatore italiano aveva intrapreso un'azione seria al fine di garantire l'efficacia di tale recupero, adottando il d.l. n. 59/2008, volto a risolvere il problema procedurale causato dalla sospensione dell'esecuzione degli ordini di recupero degli aiuti, disposta dai giudici nazionali; questa misura tuttavia, entrata in vigore dopo la scadenza dei termini stabiliti per procedere al recupero degli aiuti illegittimi, si è rivelata inefficace dato che, parecchi anni dopo la notifica della decisione 2000/394, una parte rilevante di detti aiuti non era stata recuperata. La Corte rileva quindi in termini generali che le iniziative legislative destinate a garantire l'esecuzione, da parte dei giudici nazionali, di una decisione della Commissione che obbliga uno Stato membro a recuperare un aiuto illegittimo, le quali vengano adottate in ritardo e risultino inefficaci, non soddisfano i principi che derivano dalla giurisprudenza, in particolare il principio secondo cui lo Stato membro è tenuto ad adottare ogni misura idonea ad assicurare l'effettivo recupero delle somme dovute e il principio per il quale un recupero tardivo , successivo ai termini stabilito, non può soddisfare le prescrizioni del Trattato.

    n.b.: In materia di aiuti di Stato, si richiama la sentenza del 24 novembre (C-458/09), assegnata lo scorso 5 dicembre alla Commissione finanze, con cui la Corte di giustizia ha rigettato l'impugnazione proposta dall'Italia avverso la sentenza del Tribunale di primo grado del 4 settembre 2009 (causa T‑211/05) in materia di aiuti di Stato a favore di società quotate in borsa.

  • Assegnazione: