Camera dei deputati

Vai al contenuto

Sezione di navigazione

Menu di ausilio alla navigazione

Cerca nel sito

MENU DI NAVIGAZIONE PRINCIPALE

Vai al contenuto

Per visualizzare il contenuto multimediale è necessario installare il Flash Player Adobe e abilitare il javascript

INIZIO CONTENUTO

Strumento di esplorazione della sezione Documenti Digitando almeno un carattere nel campo si ottengono uno o più risultati con relativo collegamento, il tempo di risposta dipende dal numero dei risultati trovati e dal processore e navigatore in uso.

salta l'esplora

Temi dell'attività Parlamentare

Il programma di Stoccolma in materia di libertà, sicurezza e giustizia
Il programma pluriennale per lo Spazio di libertà, sicurezza e giustizia per il periodo 2010-2014 (programma di Stoccolma), che segue il programma dell'Aia (2004-2009), è stato adottato dal Consiglio europeo del 10 e 11 dicembre 2009.

Il testo del programma si basa sulla comunicazioneUno spazio di libertà, sicurezza e giustizia al servizio dei cittadini” (COM(2009)262), presentata dalla Commissione europea il 10 giugno 2009 ed esaminata dal Parlamento europeo (risoluzione 25 novembre 2009) e dal Consiglio Giustizia e affari interni, da ultimo il 30 novembre 2009.
Il programma Stoccolma si articola attorno alle seguenti priorità politiche:

  • promuovere la cittadinanza e i diritti fondamentali,  attraverso: il reale godimento delle libertà sancite dalla Carta dei diritti fondamentali e dalla Convenzione europea dei diritti dell'uomo; la tutela della sfera privata del cittadino oltre le frontiere nazionali, specie attraverso la protezione dei dati personali; il pieno esercizio dei diritti specifici dei cittadini europei e non anche al di fuori dell'Unione; il rispetto delle particolari esigenze delle persone vulnerabili;
  • istituire  meccanismi che agevolino l'accesso alla giustizia, eliminando al contempo gli ostacoli al riconoscimento delle decisioni giuridiche in altri Stati membri e migliorando la formazione dei professionisti del settore;
  •  sviluppare una strategia di sicurezza interna che affronti la criminalità organizzata, il terrorismo e altre minacce rafforzando la cooperazione in materia di applicazione della legge, gestione delle frontiere, protezione civile, gestione delle catastrofi, nonché la cooperazione giudiziaria in materia penale;
  • garantire un accesso all’Europa più efficiente attraverso le politiche di gestione integrata delle frontiere e le politiche in materia di visti;
  • sviluppare una politica migratoria europea articolata, fondata sulla solidarietà e la responsabilità e basata sul Patto europeo sull'immigrazione e l'asilo con l’obiettivo principale di: istituire un sistema comune d'asilo che garantisca alle persone bisognose di protezione un accesso garantito a procedure di asilo giuridicamente sicure ed efficaci; controllare e contrastare l’immigrazione clandestina, anche in considerazione della crescente pressione esercitata sugli Stati membri alle frontiere esterne, tra cui quelle meridionali;
  • integrare maggiormente la dimensione esterna della politica dell'UE nello spazio di libertà, sicurezza e giustizia nell'ambito delle politiche generali dell'Unione europea.

Si ricorda che la comunicazione relativa al programma, ai sensi dell’articolo 127 del Regolamento della Camera dei deputati, è stata esaminata dalle Commissioni riunite Affari Costituzionali e Giustizia (documento finale adottato il 1° dicembre 2009), con il parere della XIV Commissione Politiche dell’Unione europea (parere approvato il 25 novembre 2009).