Camera dei deputati

Vai al contenuto

Sezione di navigazione

Menu di ausilio alla navigazione

Cerca nel sito

MENU DI NAVIGAZIONE PRINCIPALE

Vai al contenuto

Per visualizzare il contenuto multimediale è necessario installare il Flash Player Adobe e abilitare il javascript

INIZIO CONTENUTO

Strumento di esplorazione della sezione Documenti Digitando almeno un carattere nel campo si ottengono uno o più risultati con relativo collegamento, il tempo di risposta dipende dal numero dei risultati trovati e dal processore e navigatore in uso.

salta l'esplora

Temi dell'attività Parlamentare

Il Ministero dello sviluppo economico: le competenze in materia di comunicazioni
All'inizio della XVI Legislatura il decreto-legge n. 85/2008 ha trasferito al Ministero dello sviluppo economico le funzioni in precedenza attribuite al Ministero delle comunicazioni. Il Ministero è stato interessato dai successivi provvedimenti di contenimento della spesa assunti nel corso della Legislatura.
La riorganizzazione del Ministero

All’avvio della XVI Legislatura, le funzioni dell’ex Ministero delle comunicazioni sono confluite nell’ambito del Ministero dello sviluppo economico, ai sensi del decreto-legge n. 85/2008.

In particolare, all’interno del Ministero dello sviluppo le competenze in materia di comunicazioni sono svolte dal Dipartimento delle comunicazioni, articolato nelle direzioni generali per i servizi di comunicazioni elettronica e di radiodiffusione; per la pianificazione e la gestione dello spettro radioelettrico; per la regolamentazione del settore postale, nonché negli ispettorati territoriali regionali. Il Dipartimento si avvale anche come organismo scientifico di consulenza dell’Istituto superiore per le comunicazioni.

Lo stato di previsione del Ministero dello sviluppo economico (Tabella 3) accoglie pertanto le missioni, i programmi, i macroaggregati, i centri di responsabilità amministrativa (il dipartimento per le comunicazioni) ed i capitoli in precedenza riferiti al Ministero delle comunicazioni.

 In particolare, risultano di interesse l’intera missione 15 “Comunicazioni”, nonché il programma 17.18 “Innovazione tecnologica e ricerca per lo sviluppo delle comunicazioni” nella missione 17 “Ricerca e innovazione” ed il programma 18.10 “Prevenzione e riduzione dell’inquinamento elettromagnetico” nell’ambito della missione 18 “Sviluppo sostenibile e tutela dell’ambiente”.

Per ulteriori elementi si rinvia all'approfondimento: Gli stanziamenti in materia di comunicazioni nella XVI legislatura.

 

I provvedimenti di riduzione della spesa: le osservazioni della Corte dei conti

Anche il Ministero dello sviluppo è stato interessato dai successivi provvedimenti di contenimento e revisione della spesa pubblica adottati nel corso della XVI Legislatura. Al riguardo, la Corte dei conti, nella sua relazione sul Rendiconto generale dello Stato 2011 (legge n. 181/2012) evidenzia in particolare, per gli aspetti che qui interessano, che, nell’ambito dell’attività del Nucleo del Ministero per la valutazione della spesa, istituito ai sensi dell’art. 30 della legge di contabilità e finanza pubblica (legge n. 196/2009), è stata avviata un’attività di rilevazione dei fabbisogni delle strutture periferiche (individuazione dei fabbisogni in relazione ai livelli di servizi da erogare ed analisi dei criteri di ripartizione delle risorse disponibili tra le strutture con l’individuazione di eventuali squilibri allocativi). Questa attività coinvolge principalmente la rete di strutture periferiche afferenti al Dipartimento per le Comunicazioni, costituita dai sedici Ispettorati territoriali regionali per le comunicazioni.