Per tornare alla pagina di provenienza azionare il tasto BACK del browser

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI CONTROLLO SULLE ATTIVITÀ DEGLI ENTI GESTORI DI FORME OBBLIGATORIE DI PREVIDENZA E ASSISTENZA SOCIALE


Doc. XVI-bis, n. 2

Frontespizio

INDICE

Indice delle sedute

Premessa

1. Lo «stato di salute» della previdenza pubblica

2. La situazione patrimoniale mobiliare e immobiliare degli enti di previdenza pubblici

3. La gestione caratteristica delle Casse dei professionisti

4. La situazione patrimoniale mobiliare e immobiliare delle Casse dei professionisti

5. I costi di gestione delle Casse dei professionisti

Conclusioni


Doc. XVI-bis, n. 2


Pag. 3

INDICE DELLE SEDUTE


RELAZIONE ANNUALE SUI BILANCI CONSUNTIVI 2004-2005-2006, DI PREVISIONE 2007 E BILANCI TECNICO-ATTUARIALI DEGLI ENTI PREVIDENZIALI PUBBLICI E PRIVATI

ESAME DEI BILANCI DEI SINGOLI ENTI E DELLE CASSE:
DATA DEI RESOCONTI SOMMARI E STENOGRAFICI DELLE SEDUTE

Seduta di martedì 22 luglio 2008: Bilanci consuntivi 2004-2005-2006 e bilancio preventivo 2007 relativi all'Ente nazionale di previdenza e assistenza dei veterinari (ENPAV).

Seduta di mercoledì 29 ottobre 2008: Bilanci consuntivi 2004-2005-2006 e bilancio preventivo 2007 e bilancio tecnico-attuariale relativi all'Ente nazionale di previdenza e assistenza a favore dei biologi (ENPAB), all'Ente nazionale di previdenza e assistenza per gli psicologi (ENPAP) e all'Ente nazionale di previdenza e assistenza per i consulenti del lavoro (ENPACL).

Seduta di martedì 4 novembre 2008: Bilanci consuntivi 2004-2005-2006 e bilancio preventivo 2007 e bilancio tecnico-attuariale relativi all'Ente nazionale di previdenza e assistenza per gli psicologi (ENPAP), all'Ente nazionale di previdenza dei periti industriali e dei periti industriali laureati (EPPI) e all'Ente nazionale di previdenza e assistenza della professione infermieristica (ENPAPI).

Seduta di mercoledì 5 novembre 2008: Bilanci consuntivi 2004-2005-2006 e bilancio preventivo 2007 e bilancio tecnico-attuariale relativi alla Cassa nazionale di previdenza e assistenza a favore dei dottori commercialisti (CNPADC) e alla Cassa nazionale di previdenza e assistenza forense.

Seduta di martedì 11 novembre 2008: Bilanci consuntivi 2004-2005-2006, preventivo 2007 e bilancio tecnico attuariale relativi alla Cassa italiana di previdenza e assistenza dei geometri liberi professionisti (Cassa geometri), all'Ente nazionale di previdenza per gli addetti e per gli impiegati in agricoltura (ENPAIA) e al Fondo agenti spedizionieri corrieri (FASC).


Pag. 4

Seduta di martedì 18 novembre 2008: Bilanci consuntivi 2004-2005-2006, preventivo 2007 e bilancio tecnico attuariale relativi all'Ente nazionale di assistenza per gli agenti e i rappresentanti di commercio (ENASARCO) e alla Cassa nazionale del notariato.

Seduta di martedì 25 novembre 2008: Bilanci consuntivi 2004-2005-2006, preventivo 2007 e bilancio tecnico attuariale relativi alla Cassa nazionale di previdenza e assistenza per gli ingegneri e architetti liberi professionisti (INARCASSA), all'Istituto nazionale di previdenza dei giornalisti (INPGI - Gestione principale e Gestione separata) e all'Ente nazionale di assistenza per gli agenti e i rappresentanti di commercio (ENASARCO).

Seduta di martedì 9 dicembre 2008: Bilanci consuntivi 2004-2005-2006, preventivo 2007 e bilancio tecnico attuariale relativi all'Ente nazionale di previdenza e assistenza dei medici e degli odontoiatri (ENPAM) e all'Ente nazionale di previdenza e assistenza dei farmacisti (ENPAF).

Seduta di martedì 16 dicembre 2008: Bilanci consuntivi 2004-2005-2006, preventivo 2007 e bilancio tecnico attuariale relativi all'Ente di previdenza e assistenza pluricategoriale (EPAP) e all'Opera nazionale per l'assistenza agli orfani dei sanitari italiani (ONAOSI).

Seduta di martedì 20 gennaio 2009: Bilanci consuntivi 2004-2005-2006, preventivo 2007 e bilancio tecnico attuariale relativi alla Cassa nazionale di previdenza e assistenza dei ragionieri e periti commerciali (CNPR) e bilanci consuntivi 2004-2005-2006 e preventivo 2007 relativi all'Ente nazionale di assistenza magistrale (ENAM).

Seduta di mercoledì 28 gennaio 2009: Bilanci consuntivi 2004-2005-2006, preventivo 2007 e bilancio tecnico attuariale relativi all'Istituto postelegrafonici (IPOST) e all'Ente nazionale di previdenza e assistenza per i lavoratori dello spettacolo e gli sportivi professionisti (ENPALS).

Seduta di mercoledì 4 febbraio 2009: Audizione del Commissario straordinario e del Direttore generale dell'Istituto Postelegrafonici (IPOST), dott. Rino Tarelli e dott.ssa Simonetta Quaglia, su aspetti inerenti i bilanci consuntivi 2004-2006, il preventivo 2007 e il bilancio tecnico attuariale.

Seduta di mercoledì 18 febbraio 2009: Bilanci consuntivi 2004-2005-2006, preventivo 2007 e bilancio tecnico attuariale relativi all'Istituto di previdenza per il settore marittimo (IPSEMA).

Seduta di mercoledì 11 marzo 2009: Audizione del Presidente del Consiglio di indirizzo e vigilanza dell'Istituto Postelegrafonici (IPOST), dott. Giuseppe Ceraolo, su aspetti inerenti i bilanci consuntivi 2004-2006, il preventivo 2007 e il bilancio tecnico attuariale.


Pag. 5

Seduta di mercoledì 18 marzo 2009: Bilanci consuntivi 2004-2005-2006 e bilancio preventivo 2007 relativi all'Istituto nazionale per l'assicurazione contro gli infortuni sul lavoro (INAIL).

Seduta di mercoledì 1o aprile 2009: Bilanci consuntivi 2004-2005-2006, preventivo 2007 e bilancio tecnico attuariale relativi all'Istituto postelegrafonici (IPOST).

Seduta di mercoledì 29 aprile 2009: Bilanci consuntivi 2004-2005-2006, preventivo 2007 e bilancio tecnico attuariale relativi all'Istituto nazionale della previdenza sociale (INPS).

Seduta di mercoledì 6 maggio 2009: Bilanci consuntivi 2004-2005-2006 e preventivo 2007 relativi all'Istituto nazionale di previdenza per i dipendenti dell'amministrazione pubblica (INPDAP).

Seduta di mercoledì 13 maggio 2009: Audizione del Commissario straordinario e del Direttore Generale dell'Istituto nazionale per l'assicurazione contro gli infortuni sul lavoro (INAIL), dott. Marco Fabio Sartori, e dott. Alberto Cicinelli su aspetti inerenti i bilanci consuntivi 2004-2006 e il preventivo 2007.

Seduta di mercoledì 20 maggio 2009: Audizione del Presidente del Consiglio di indirizzo e vigilanza relativi all'Istituto nazionale per l'assicurazione contro gli infortuni sul lavoro (INAIL), dott. Franco Lotito, su aspetti inerenti i bilanci consuntivi 2004-2006 e il preventivo 2007.

Seduta di mercoledì 17 giugno 2009: Audizione del Commissario straordinario e del Direttore Generale dell'Istituto nazionale di previdenza per i dipendenti dell'amministrazione pubblica (INPDAP), avv. Paolo Crescimbeni, e dott.ssa Giuseppina Santiapichi, su aspetti inerenti i bilanci consuntivi 2004-2006 e il preventivo 2007.

Seduta di mercoledì 24 giugno 2009: Audizione del Commissario straordinario e del Direttore Generale dell'Istituto nazionale della previdenza sociale (INPS), dott. Antonio Mastrapasqua e dott. Vittorio Crecco, su aspetti inerenti i bilanci consuntivi 2004-2006, il preventivo 2007 e il bilancio tecnico attuariale.

Seduta di mercoledì 1o luglio 2009: Audizione del Presidente del Consiglio di indirizzo e vigilanza dell'Istituto nazionale della previdenza sociale (INPS), dott. Guido Abbadessa, su aspetti inerenti i bilanci consuntivi 2004-2006, il preventivo 2007 e il bilancio tecnico attuariale.

Seduta di mercoledì 8 luglio 2009: Bilanci consuntivi 2004-2006 e bilancio preventivo 2007 relativi all'Istituto nazionale per l'assicurazione contro gli infortuni sul lavoro (INAIL) e audizione del Presidente del Consiglio di indirizzo e vigilanza dell'Istituto nazionale di previdenza per i dipendenti dell'amministrazione pubblica


Pag. 6

(INPDAP), dott. Carlo Borio, su aspetti inerenti i bilanci consuntivi 2004-2006, il preventivo 2007.

Seduta di martedì 28 luglio 2009: Bilanci consuntivi 2004-2006 e bilancio preventivo 2007 relativo all'Istituto nazionale di previdenza per i dipendenti dell'amministrazione pubblica (INPDAP) e bilanci consuntivi 2004-2006, bilancio preventivo 2007 e bilancio tecnico attuariale dell'Istituto nazionale per la previdenza sociale (INPS).


Pag. 7

RELAZIONE ANNUALE SUI BILANCI CONSUNTIVI 2004-2005-2006, DI PREVISIONE 2007 E BILANCI TECNICO-ATTUARIALI DEGLI ENTI PREVIDENZIALI PUBBLICI E PRIVATI APPROVATA DALLA COMMISSIONE

Premessa

Concluso l'esame delle relazioni sui risultati di gestione degli Enti previdenziali per il periodo 2004-2006, è opportuno formulare alcune considerazioni sul lavoro finora svolto dalla Commissione.
Si ricorda anzitutto che, nell'ambito dell'esame dei risultati dell'attività degli Enti gestori di forme obbligatorie di previdenza e assistenza sociale, la Commissione ha proceduto, per ognuno degli Enti sottoposti al suo controllo, all'approvazione di considerazioni conclusive sui dati dei bilanci consuntivi 2004, 2005 e 2006, del preventivo 2007 e del bilancio tecnico-attuariale.
L'attività relativa all'esame dei bilanci è stata svolta nel corso di 25 sedute (22 luglio 2008-28 luglio 2009), di cui 18 dedicate specificamente all'esame delle proposte di parere, nell'ambito delle quali sono state svolte 8 audizioni formali, per un periodo complessivo di circa 14 ore.
In particolare, la tipologia delle considerazioni conclusive approvate è stata la seguente:
sei considerazioni conclusive favorevoli senza osservazioni relative a Cassa del Notariato, INPGI (gestione principale), INPGI (gestione separata), ENPAF, IPOST e INAIL;
quattordici considerazioni conclusive favorevoli con osservazioni relative a INPS, IPSEMA, ENPALS, ENAM, ENPAP, EPPI, ENPAPI, CNPADC, Cassa Forense, Cassa Geometri, ENPAIA, FASC, ENASARCO, INARCASSA;
tre considerazioni conclusive favorevoli con osservazioni e riformulazioni relative a ENPAV, ENPAB, ENPACL;
una considerazione conclusiva favorevole con condizioni relativa all'EPAP;
una considerazione conclusiva favorevole con condizioni e riformulazioni relativa all'INPDAP;
tre considerazioni conclusive favorevoli con condizioni e osservazioni relative a CNPR, ENPAM e ONAOSI.

Trattandosi della prima relazione che la Commissione ha approvato nella XVI legislatura, prima di entrare nel merito delle evidenze che emergono dalla valutazione dei dati gestionali del triennio 2004-2006, va rilevato l'importante risultato conseguito dalla Commissione.


Pag. 8

Nel periodo intercorso tra il suo insediamento e la data odierna, infatti, la Commissione ha recuperato tutto l'arretrato in tema di esame dei bilanci degli enti accumulato per la fine anticipata della precedente legislatura.
Si ricorda che le funzioni di controllo attribuite dalla legge istitutiva alla Commissione sono costituite principalmente dalla vigilanza sull'equilibrio delle gestioni, sull'operatività delle leggi in materia previdenziale e sulla coerenza del sistema con le linee di sviluppo dell'economia nazionale (articolo 56, legge 9 marzo 1989, n. 88). A tale riguardo, si sottolinea come la principale attività svolta dalla Commissione sia stata l'analisi dei bilanci tecnici attuariali delle casse privatizzate - anche in considerazione dell'articolo 1, comma 763, della legge 27 dicembre 2006, n. 296 (legge finanziaria per il 2007) che ha richiesto una stabilità delle gestioni previdenziali da ricondursi ad un arco temporale non inferiore a 30 anni - e delle analoghe indicazioni di lungo periodo, ove disponibili, elaborate dagli enti di previdenza pubblici.
Ciò premesso, sul merito delle problematiche emerse nel corso dei lavori è opportuno focalizzare i seguenti temi, meritevoli di particolare attenzione:
1. Lo stato di salute della previdenza pubblica;
2. La situazione patrimoniale mobiliare e immobiliare degli enti di previdenza pubblici;
3. La gestione caratteristica delle Casse dei professionisti;
3.1 Le Casse privatizzate (d.lgs. n.509/1994);
3.2 Le Casse private (d.lgs. n.103/1996);
4. La situazione patrimoniale mobiliare e immobiliare delle casse dei professionisti;
5. I costi di gestione delle Casse dei professionisti.

1. Lo «stato di salute» della previdenza pubblica

Si analizza, innanzitutto, la situazione del sistema previdenziale pubblico relativamente al periodo 2004-2007 dei due enti, INPS ed INPDAP, che da soli erogano prestazioni pari alla quasi totalità di quelle erogate dal sistema nel suo complesso.
L'INPS, nel periodo 2004-2007, registra in termini di entrate contributive complessive un consistente incremento - pari a circa il 17 per cento, passando da 113,83 mld di euro nel 2004 a 136,96 mld di euro nel 2007 - collegato prevalentemente alla crescita del PIL e dell'occupazione, all'aumento di alcune aliquote contributive (nell'ultimo anno del triennio gli incrementi hanno riguardato le aliquote degli artigiani e commercianti e della gestione parasubordinati, passata quest'ultima al 23 per cento per i lavoratori che non risultano assicurati presso altre forme assistenziali obbligatorie) e al versamento dei contributi per il TFR dei lavoratori dipendenti da aziende con più


Pag. 9

di 49 dipendenti (4,6 miliardi di euro). In parte, sia pure limitata, la crescita contributiva è dovuta al recupero di fenomeni di elusione ed evasione contributiva.
Dal punto di vista della spesa per prestazioni, l'Inps registra nel medesimo periodo un tasso di crescita più contenuto rispetto a quello delle entrate contributive, passando da 171,04 mld del 2004 a 189,4 mld del 2007. Per quanto riguarda il numero delle pensioni si registra una sostanziale stabilità del numero complessivo, a fronte di una leggera flessione per il Fondo pensioni lavoratori dipendenti (FPLD), mentre si registra un incremento del loro importo medio. L'Istituto beneficia dei saldi sistematicamente attivi della Gestione dei lavoratori parasubordinati e della Gestione delle prestazioni temporanee ai lavoratori dipendenti, mentre incide negativamente il saldo dei fondi speciali.
Il fabbisogno dell'INPS è coperto, anche sotto il profilo pensionistico, dalle entrate contributive e da trasferimenti dal bilancio dello Stato a sostegno questi ultimi delle prestazioni e degli interventi che la legge mette a carico dello Stato. Tali trasferimenti sono finalizzati al finanziamento della Gestione degli interventi assistenziali e di sostegno alle gestioni previdenziali (GIAS), di competenza dell'INPS, che è rivolta sia ad interventi assistenziali che ad interventi di sostegno alle pensioni. Tale spesa a carico della GIAS ammonta nel 2006 a circa 25 mld di euro (1).

(1) Così il Commissario straordinario e il Direttore Generale dell'Ente nell'audizione presso la Commissione nella seduta del 24 giugno 2009. Gli interventi di sostegno alle pensioni da parte della GIAS nel 2006, secondo quanto riportato nel Rapporto del Nucleo di valutazione della spesa previdenziale 2007, hanno riguardato prevalentemente per 22,02 mld il Fondo pensioni lavoratori dipendenti, per 1.22 mld il Fondo artigiani, per 1.02 mld il Fondo commercianti e per 5,75 mld il fondo Gestione autonoma coltivatori diretti coloni e mezzadri (CDCM).

Nel breve periodo, il saldo pensionistico (differenza tra entrate contributive e spesa per pensioni) subirà una riduzione delle entrate contributive correlata all'andamento negativo della congiuntura economica, pur in presenza di risparmi di spesa derivanti dall'inasprimento delle condizioni di pensionamento (le cosiddette «quote»). Nel medio-lungo periodo (a partire dal 2020 in poi) il saldo pensionistico, permanendo condizioni di criticità del lavoro e dello sviluppo, si potrebbe aggravare.
Per quanto riguarda l'INPDAP, si registra nel medesimo periodo in termini di entrate contributive complessive - che passano da 44,6 mld di euro nel 2004 a 47,56 mld di euro nel 2007 - un incremento del 6,65 per cento. L'elevata crescita contributiva registrata nel 2006 è frutto del pagamento degli arretrati collegati ai rinnovi contrattuali relativi al biennio economico 2004-2005 dei comparti ministeri, scuola ed aziende autonome.
Nel medesimo periodo, dal punto di vista della spesa per prestazioni, si rileva un tasso di crescita ben maggiore (16,67 per cento) rispetto a quello delle entrate contributive (6,65 per cento). Il saldo previdenziale passa da un avanzo di 847 mln di euro nel 2004 ad un disavanzo di 4,45 mld di euro nel 2007, come risulta dal bilancio consuntivo. Riguardo a tale disavanzo si segnalano alcune criticità di tipo strutturale che hanno influito sulla sua rapida crescita.


Pag. 10

Dal punto di vista delle entrate contributive si segnala, in particolare, il calo derivante dalla drastica riduzione del turnover dei dipendenti pubblici. Significativi squilibri si registrano nel rapporto tra la spesa per TFR (Trattamento di fine rapporto) e per TFS (Trattamento di fine servizio) e le relative entrate contributive. Tra le cause strutturali del disavanzo dell'Ente si segnalano altresì gli effetti della legge finanziaria 2007, con la quale sono stati abrogati i trasferimenti dello Stato a copertura della spesa pensionistica dei dipendenti statali che confluivano nella Cassa trattamenti pensionistici statali (CTPS), la cosiddetta Cassa Stato.
Il trend in rapida crescita del disavanzo previdenziale comporta l'erosione in pochi anni del patrimonio dell'Istituto, che ammonta nel 2007 a 20,46 mld di euro, anche se occorre tener conto delle norme che hanno trasformato in anticipazioni di tesoreria il trasferimento a carico dello Stato che la legge n. 335 del 1995, Riforma del sistema pensionistico obbligatorio e complementare, aveva introdotto per la Gestione trattamenti pensionistici (GTPS).
I dati relativi al periodo 2004-2007 presentano aspetti di criticità tali da pregiudicare, nel breve periodo, la sostenibilità finanziaria dell'Istituto, in assenza di misure che comportino un rilevante incremento strutturale delle entrate. In relazione alle gestioni pensionistiche dell'Ente si evidenziano i seguenti valori di spesa per pensioni (al netto di trasferimenti) e di entrate per contributi e trasferimenti, per l'anno 2006, secondo i dati del Rapporto del Nucleo di valutazione della spesa previdenziale 2007. Cassa dipendenti enti locali: entrate 13,6 mld di euro - spese 15,03; Cassa insegnanti di asilo: entrate 234,6 mln di euro - spese 192,5 mln; Cassa sanitari: entrate 3,66 mld di euro - spese 2,13 mld; Cassa ufficiali giudiziari: entrate 23,6 mln di euro - spese 39,5 mln; dipendenti dello Stato: entrate 31,33 mld di euro - spese 30,95 mld.
Per quanto riguarda l'IPSEMA si evidenzia che la somma dei contributi e dei trasferimenti attivi - questi ultimi da intendersi come sgravi contributivi previsti in favore delle imprese armatoriali, volti a salvaguardare l'occupazione (articolo 6 del decreto-legge n.457 del 1997, convertito in legge con modificazioni dalla legge n.30 del 1998, e articolo 34-sexies del decreto legge n.4 del 2006, convertito dalla legge n.80 del 2006) - ammontano complessivamente nell'anno 2006 a 66,684 mln di euro (pari rispettivamente a 18,9 mln e a 47,8 mln di euro), mentre le spese di gestione, tratte dal conto economico, ammontano a 21,3 mln di euro.
I problemi di sostenibilità del comparto pubblico sono evidenti anche dalla lettura dei due indicatori di equilibrio di ripartizione delle gestioni pensionistiche INPS ed INPDAP, cioè il rapporto entrate contributive/spesa per prestazioni pensionistiche e il rapporto demografico iscritti/pensionati.
Di seguito si riportano i valori di tali indicatori relativamente agli anni 2004-2005-2006. Al riguardo non è possibile fornire un confronto con l'IPSEMA a causa della mancanza di sufficienti informazioni, data la particolare struttura dell'Ente in relazione al tipo di prestazioni assicurate.
Pag. 11

GRAFICO 1 (2)
INDICATORE DI EQUILIBRIO CONTRIBUTI/PENSIONI

(2) Gli indicatori dei seguenti grafici sono stati elaborati sulla base dei dati contenuti nelle relazioni predisposte dal Centro Europa ricerche (CER) pubblicate in allegato ai resoconti sommari delle sedute del 29 aprile (INPS) e del 6 maggio 2009 (INPDAP).

GRAFICO 2
INDICATORE DI EQUILIBRIO ASSICURATI/PENSIONI


Pag. 12

GRAFICO 3
INDICATORE DI EQUILIBRIO PENSIONE MEDIA/ CONTRIBUTO MEDIO

Nel triennio considerato si registrano, per l'INPS e l'INPDAP, rapporti di poco superiori all'unità. Considerando poi il rapporto tra pensione media e contributo medio, che fornisce, in una logica di gestione a ripartizione e in termini medi, il numero di contribuenti necessari per pagare una pensione, si rileva che tale numero per l'INPDAP risulta essere più basso che per l'INPS.
Per l'IPOST si osserva che la gestione è in precario equilibrio con un trend in progressivo peggioramento imputabile ad un'evoluzione di segno negativo della platea degli assicurati, che sono rappresentati esclusivamente dai dipendenti di Poste S.p.A.. Negli ultimi anni si è registrato un contenimento delle assunzioni a tempo indeterminato accompagnato da un crescente numero delle assunzioni con formule contrattuali flessibili di tipo interinale. Si rileva pertanto una politica del personale che comporta una fluttuazione non solo del numero degli iscritti ma anche delle entrate contributive in quanto, nel caso ad esempio di contratti interinali, i contributi non vengono versati all'IPOST bensì all'INPS. Anche in conseguenza di ciò, risulta preoccupante la diminuzione tra il 1994 e il 2007 del rapporto tra patrimonio e spesa annua per pensioni (da 4,5 a 1,2).
L'elemento chiave emerso dalle audizioni svolte sui bilanci è stato l'analisi del bilancio tecnico attuariale, da cui in particolare si nota una preoccupante mancanza di indicazioni condivise sui risultati delle valutazioni attuariali; al riguardo non è chiaro se i dati utilizzati siano validi o meno e non è chiaro altresì se le variazioni previste del numero di iscritti siano state considerate nelle previsioni attuariali.
Dai dati riportati nel bilancio tecnico al 31.12.2005, si evidenzia una situazione di squilibrio già nel breve periodo e si osserva peraltro


Pag. 13

che un certo miglioramento si potrà avere tenendo conto delle modifiche normative introdotte dalla legge n. 247 del 2007 («Norme di attuazione del Protocollo del 23 luglio 2007 su previdenza, lavoro e competitività per favorire l'equità e la crescita sostenibili, nonché ulteriori norme in materia di lavoro e previdenza sociale»).
Una riflessione più approfondita circa l'equilibrio dell'Istituto potrà essere fatta solo dopo aver valutato anche gli effetti della liberalizzazione dei servizi postali prevista per il 2011, liberalizzazione che, nel presupposto che l'IPOST si occupi anche dei dipendenti delle nuove aziende, avrà senz'altro dei benefici sulle previsioni di lungo periodo.
Per quanto riguarda l'ENPALS, dall'esame delle principali poste contabili desunte dai bilanci esaminati, emerge un sufficiente equilibrio dell'Ente: il monte contributivo annuo risulta più che sufficiente a finanziare le prestazioni pensionistiche relative allo stesso periodo (il rapporto tra monte contributivo e spesa pensionistica è sempre superiore all'unità nel periodo considerato). Si osserva, inoltre, che il numero di contribuenti è sempre di gran lunga superiore a quello dei pensionati (rapporto tra contribuenti e pensionati pari circa a 4,5).
Si sottolinea altresì la presenza di un numero molto elevato di silenti; detta situazione andrebbe monitorata con continuità prevedendo, semmai, la quantificazione degli eventuali obblighi dell'Ente in termini di prestazioni verso detta platea.
La sostenibilità dell'Ente nel lungo periodo è stata analizzata nel bilancio tecnico al 31.12.2005 limitatamente però al Fondo Spettacolo e solo per 15 anni di previsione. Da tale valutazione non emergono immediati problemi di sostenibilità, pur trattandosi di una valutazione parziale e limitata nel tempo.
Passando all'analisi dell'INAIL, si evidenzia un netto miglioramento dal 2004 al 2007; si passa infatti da un disavanzo ad un risultato economico di esercizio in avanzo. Inoltre, nei quattro anni considerati il numero dei contribuenti (circa 20 milioni) e l'ammontare dei contributi (circa 8 miliardi di euro) si mantengono tendenzialmente stabili.
Si ritiene, tuttavia, utile porre l'attenzione sulla necessità di rendere più trasparente l'intero sistema assicurativo di calcolo delle contribuzioni e delle riserve; infatti il sistema attuale sembra ormai superato e potrebbe essere opportunamente aggiornato e semplificato.
Per quanto attiene ai costi di gestione degli enti di previdenza pubblici si rileva quanto segue. Per quanto riguarda l'INPS i costi totali di gestione passano da 3,21 mld nel 2004 a 3,63 mld nel 2006 con una variazione media (geometrica) annua del 6,4 per cento. In particolare, si segnala che, mentre i costi per il personale aumentano, pure in presenza di una sua riduzione in termini numerici, passando da 1,61 mld nel 2004 a 1,79 mld nel 2006, si riducono, invece, i costi relativi al funzionamento degli uffici che passano da 508,9 mln nel 2004 a 452 mln nel 2006 e quelli relativi agli organi dell'Ente che passano da 10,7 mln nel 2004 a 9,1 mln nel 2006.
Dal 2004 al 2006 i costi totali di gestione dell'INPDAP aumentano, passando da 566,57 mln nel 2004 a 695,66 mln nel 2006, con una variazione media annua del 10,8 per cento. In particolare, si segnala una crescita dei costi relativi al funzionamento degli uffici dal 2004 al 2006,
Pag. 14

che passano da 104,7 mln a 151,6 mln. Anche i costi per il personale e per gli organi dell'Ente aumentano: i primi passano da 365,3 mln nel 2004 a 423,4 mln nel 2006, mentre i costi per gli organi passano da 3,3 mln nel 2004 a 3,7 mln nel 2006. Anche per l'IPSEMA i costi totali di gestione, tratti dal conto economico, aumentano, passando da 17,8 mln nel 2004 (15,9 mln di spese di amministrazione e 1,9 mln di trasferimenti passivi) a 21,3 mln nel 2006 (17,7 mln e 3,6 mln). Si evidenzia altresì un aumento dei costi per il personale, che passano da 9,6 mln nel 2004 a 11,3 mln nel 2006, essenzialmente dovuto all'attuazione dei nuovi contratti collettivi. Per quanto riguarda l'INAIL, i costi totali di gestione passano da 978,7 milioni di euro nel 2004 a 1.125 milioni di euro nel 2007, con un incremento medio annuo del 4,8 per cento ed un'incidenza rispetto al patrimonio dell'8,1 per cento nel 2007. Per quanto riguarda, infine, l'ENPALS e l'IPOST l'incidenza dei costi sul patrimonio si attesta intorno a poco più del 2 per cento.

2. La situazione patrimoniale mobiliare e immobiliare degli enti di previdenza pubblici

Per quanto riguarda le gestioni patrimoniali degli enti di previdenza pubblici, nella tabella 1 sono illustrati gli importi del patrimonio complessivo e la suddivisione dello stesso tra mobiliare e immobiliare, con i rispettivi rendimenti. Si fa presente che è stato preso come riferimento l'ultimo dato disponibile per ciascun ente.

TABELLA 1
VALORI PATRIMONIALI E RENDIMENTI
(importi in milioni di euro)
Enti
pubblici
Patrimonio
complessivo
Patrimonio
immobiliare
Patrimonio
mobiliare
Rendimento
Complessivo
Rendimento
immobiliare
Rendimento
mobiliare
Anno di
riferimento
INPS 2.697,5 307,8 2.389,7* 1,3% -1,0% 1,6% 2006
INPDAP 21.581,7 782,1 20.799,6 1,0% 2,8% 0,9% 2006
IPSEMA 240,8 43,2 197,6 1,5% 7,5% 1,4% 2006
IPOST 1.824 57 1.767 0,1% 0,0% 0,1% 2007
ENPALS 1.354 61 1.293 0,5% 3,0% 0,4% 2006
INAIL 13.928 1.166 12.762 0,9% 3,3% 0,5% 2007

* I dati del patrimonio mobiliare INPS comprendono anche le attività liquide dell'Istituto.

Dalle cifre si evincono alcuni casi particolari: per l'INAIL si osserva che, nonostante il rilevante risultato patrimoniale positivo riscontrato nel 2007 (raggiunto a partire da un forte disavanzo: -3,7 milioni di euro nel 2004), emerge un punto critico relativo alla limitata autonomia nella gestione delle risorse finanziarie. In particolare,


Pag. 15

l'INAIL ha l'obbligo di trasferire l'avanzo di esercizio alla Tesoreria a titolo del tutto infruttifero (attualmente esiste in Tesoreria una giacenza di oltre 10 miliardi di euro) e ciò determina una vera e propria distorsione della natura della contribuzione assicurativa generando un serio pregiudizio nel rapporto fra l'Istituto, gli assicurati e le imprese. Al riguardo, occorre ricordare che il rendimento di ogni somma o bene disponibile entra nel calcolo delle tariffe assicurative e quindi l'eliminazione del rendimento rende automaticamente necessaria la revisione delle tariffe.
Sicuramente una maggiore autonomia nella gestione delle risorse finanziarie dell'Ente non solo consentirebbe una più elevata valorizzazione delle rendite a favore dei lavoratori, ma si potrebbe anche prevedere la creazione di un sistema di supporto tecnico-amministrativo soprattutto per le piccole e piccolissime imprese.
Riguardo alla gestione del patrimonio, si fa presente che per oltre il 90 per cento esso è rappresentato dalla componente mobiliare, con un rendimento netto decisamente contenuto (0,7 per cento medio nel triennio considerato); la residua componente immobiliare, invece, risulta decisamente più redditizia facendo registrare un rendimento medio del 4,1 per cento nel triennio considerato. Al riguardo, è necessario comunque ricordare che il limitato rendimento della gestione mobiliare è dovuto anche ai limiti in termini di autonomia gestionale imposti all'Istituto, di cui si è fatto cenno in precedenza.
In contrapposizione a quanto appena osservato circa l'attuale situazione positiva dell'Ente, si pone la difficoltà dell'Istituto nel recuperare il gettito contributivo non corrisposto (nel 2007 l'Istituto vanta crediti contributivi per 4,3 miliardi di euro), con conseguente aumento dei costi dovuti al recupero dei predetti crediti.
Il rendimento medio del patrimonio totale dell'INPS nel triennio 2004-2006 è dell'1,4 per cento, con un rendimento medio del patrimonio immobiliare dello 0,8 per cento e del patrimonio mobiliare, che costituisce la quota prevalente del patrimonio totale (pari nel 2006 all'89 per cento del patrimonio totale), dell'1,5 per cento.
Per l'INPDAP nello stesso triennio si riscontra un rendimento medio del patrimonio totale pari solo allo 0,7 per cento, con un rendimento medio del patrimonio immobiliare del 4,4 per cento e del patrimonio mobiliare, che costituisce la quota prevalente del patrimonio totale (pari nel 2006 a circa il 96 per cento del patrimonio totale), dello 0,6 per cento.
Il rendimento del patrimonio totale per l'IPSEMA nel triennio considerato è del 2,5 per cento, con un rendimento medio del patrimonio immobiliare del 7,4 per cento ed un rendimento medio del patrimonio mobiliare dell'1,5 per cento.

3. La gestione caratteristica delle Casse dei professionisti

Per quanto attiene alle Casse di previdenza del liberi professionisti, bisogna distinguere la situazione delle Casse privatizzate con il decreto legislativo 30 giugno 1994, n. 509 da quella delle Casse già nate private con il decreto legislativo 10 febbraio 1996, n. 103, perché


Pag. 16

presentano situazioni sostanzialmente diverse, sia per la modalità di calcolo delle prestazioni, sia per il sistema di gestione finanziaria, con conseguenze differenziate in termini di sostenibilità e di adeguatezza delle prestazioni.

3.1. Le Casse privatizzate (decreto legislativo 30 giugno 1994, n. 509)

Dall'analisi dei bilanci consuntivi 2004-2006 e preventivi 2007 è emerso che l'andamento del numero degli iscritti di gran parte delle Casse ex 509 presenta tassi di crescita abbastanza sostenuti, particolarmente rilevanti per la Cassa forense (circa 7 per cento medio annuo); per la Cassa geometri, invece, si osserva un forte incremento dei contributi ( 10,7 per cento medio annuo) principalmente dovuto alla dinamica dei redditi (tasso di crescita medio annuo pari a oltre il 5 per cento).
Per l'ENPAIA si registra nel corso del triennio 2004-2006 una sostanziale stabilità del numero di contribuenti, mentre è prevista una contenuta crescita per il 2007. Il patrimonio netto dell'ente risulta in costante crescita nel corso del triennio.
Per l'INARCASSA, con il rilevante aumento degli iscritti in attività verificatisi negli ultimi anni, il rapporto pensionati/iscritti risulta pari mediamente al 9,2 per cento nel periodo analizzato.
La Cassa del notariato presenta un'incidenza del prelievo contributivo (28 per cento) e un'età media al pensionamento (74 anni) di gran lunga più elevate rispetto alla media delle altre casse professionali: l'insieme di questi due elementi fa sì che la cassa, anche osservando le proiezioni di lungo periodo riportate nel bilancio tecnico attuariale, presenti un andamento prospettico che si mantiene sostanzialmente in equilibrio.
Caso a parte l'ENASARCO che, nel periodo considerato, presenta un numero di iscritti sempre lievemente decrescente; ciò è dovuto principalmente alla particolare gestione degli iscritti silenti (definiti come coloro che non contribuiscono da più di tre anni), il cui numero risulta piuttosto elevato e con tassi di variazione sempre positivi. Tale problematica, che può essere comunque legata alla natura della professione degli agenti e rappresentanti di commercio, si ritiene debba essere risolta al più presto con una normativa specifica.
Al fine di valutare la sostenibilità di tali casse, un indicatore interessante è costituito dal rapporto tra contribuenti (cfr. tabella 2) e numero di trattamenti pensionistici; per l'insieme delle casse privatizzate, ai sensi del decreto legislativo 30 giugno 1994, n. 509, tale valore nel 2006 è mediamente intorno a 4. Tale rapporto va visto soprattutto in relazione alle corrispondenti variazioni annue, anche perché assieme al rapporto tra pensione media e contributo medio influenza il parametro entrate/uscite ed in definitiva la stessa stabilità di lungo periodo.


Pag. 17

TABELLA 2
PRINCIPALI INDICATORI ANAGRAFICI ED ECONOMICI
DELLE CASSE PROFESSIONALI - ANNO 2006
  CONTRIBUENTI/
PENSIONATI
PENSIONE MEDIA/
CONTRIBUTO MEDIO
ENASARCO 2,4 2,4
ENPACL 3,6 2,0
ENPAM - FONDO QA 4,1 1,9
ENPAM - FONDO QB 6,9 0,7
ENPAM - MG 2,8 1,9
ENPAM - FSA 1,5 0,9
ENPAM - FSE 0,2 0,2
CASSA FORENSE 5,5 3,5
CASSA GEOMETRI 4,0 3,1
INARCASSA 11,2 4,7
CASSA NOTARIATO 2,0 1,3
CASSA COMMERCIALISTI 9,9 3,6
CASSA RAGIONIERI 5,5 2,7
ENPAF 2,8 1,6
ENPAV 4,0 2,1
INPGI (gest. principale) 3,3 2,8

Il rapporto tra pensione media e contributo medio costituisce anch'esso un indicatore di sostenibilità finanziaria: l'indice è risultato mediamente pari a 2 per le Casse ex d.lgs. n. 509 del 1994. I contributi tendono a crescere per effetto dell'aumento dei redditi, ma il contributo medio risulta spesso moderato dalla presenza dei contribuenti marginali (giovani che iniziano la carriera e pensionati attivi). L'andamento di tale rapporto è influenzato da una molteplicità di fattori: redditi degli iscritti, aliquote contributive applicate, metodo di calcolo della pensione, composizione della platea dei contribuenti.
Potrebbe essere particolarmente interessante la valutazione per tutte le gestioni del contributo di equilibrio al momento dell'ingresso


Pag. 18

in assicurazione; la conoscenza di tale indicatore permetterebbe un adeguato confronto di costo tra le prestazioni previste nelle diverse gestioni.
Si rileva, inoltre, come l'elevato valore attuale dell'indicatore demografico contribuenti/pensionati, ben lungi da quello teorico a regime, per la CNPADC, così come per l'INARCASSA ed in misura minore per quasi tutte le altre Casse, configura una situazione di instabilità demografica futura nel rapporto tra il numero dei contribuenti e quello dei pensionati.
Tale rapporto è destinato a ridursi drasticamente nel corso degli anni. L'entità e la «rapidità» di tale riduzione sono connesse all'effettiva distribuzione demografica degli attuali contribuenti e dei pensionati ed alla previsione dei futuri nuovi contribuenti. La riduzione del valore di tale rapporto trova chiaro riscontro nei valori indicati nella tabella 3.
Si osserva che una forte concentrazione di contribuenti nella fascia di età giovane, come accade in diverse Casse privatizzate, denota una situazione di evoluzione di tale rapporto nel senso di una riduzione dello stesso fino a valori che possono raggiungere l'unità, ma in tempi lunghi, connessi cioè con l'andata in pensione di tale collettività di giovani contribuenti.
Il rapporto pensione media/contributo medio indica, sia pure in termini medi, il numero di contribuenti necessari attualmente per pagare una pensione. Tale indicatore è particolarmente significativo in un'ottica di gestione a ripartizione pura, che prevede cioè il pagamento delle pensioni correnti mediante i contributi correnti. Ottica di gestione a ripartizione pura che non può essere perseguita da quegli enti che, per effetto della loro attuale distribuzione dei contribuenti e della previsione sui futuri nuovi contribuenti, vedranno nel corso del tempo drasticamente ridursi il rapporto contribuenti/pensionati.
Per tali enti risulta assolutamente necessaria l'introduzione di una riserva patrimoniale adeguata, che dovrà essere utilizzata assieme ai suoi rendimenti per pagare una congrua parte della pensione dei futuri pensionati, attualmente giovani contribuenti, in modo da mantenere una sostanziale stabilità del trattamento pensionistico nel corso del tempo. Infatti, quando questi andranno in pensione il basso valore del rapporto tra contribuenti e pensionati non consentirà di pagare prestazioni adeguate mediante l'utilizzo dei soli contributi correnti (cfr. tabella 3, ultima colonna relativa al 2040).
Si osserva, inoltre, che una particolare attenzione ai fini della sostenibilità finanziaria deve essere posta nei confronti di quelle Casse per le quali è prevedibile nel futuro una riduzione o una cessazione di nuovi contribuenti. Nel qual caso è evidente che nel corso del tempo risulterà disponibile una sempre minore quantità di contributi correnti per pagare le pensioni correnti.
Per tali Casse la riserva patrimoniale dovrà progressivamente allinearsi, con l'esaurirsi dei contributi correnti, alla riserva dell'intero debito pensionistico dell'Ente.
Pag. 19

TABELLA 3
 
2006
2040
Casse Professionali Rapporto (3) patrimonio-spesa pensioni Rapporto contributi-spesa pensioni Rapporto patrimonio-spesa pensioni Rapporto contributi-spesa pensioni
Cassa Forense 7,09 1,14 7,43 0,57
Cassa Geometri 6,00 1,24 -2,96 0,52
Cassa Notariato 7,68 1,58 7,82 1,24
Enasarco 5,29 1,05 -5,27 0,47
Enpacl 10,68 1,66 -3,09 1,61
Enpam
(FG-Quota A)

9,60

2,06

-8,62

0,43

Inarcassa 17,04 4,05 2,99 0,51
Cassa Forense 7,09 1,14 7,43 0,57
Cassa
Commercialisti

17,13

2,73

17,9

0,75

Cassa Ragionieri 9,58 2,02 9,73 0,27
ENPAF 6,37 1,7 35,22 1,39
ENPAV 8,65 1,94 0,14 0,51
INPGI
(gest. princ.)

4,77

1,15

3,76

1,17

(3) Tali rapporti sono stati elaborati sulla base dei dati tratti dalle relazioni del CER, società di consulenza della Commissione nella XV legislatura.


Un fattore decisivo in termini di sostenibilità è sicuramente l'evoluzione della collettività degli iscritti: molte Casse si avviano alla fase di piena maturazione, pertanto il numero dei pensionati tende a superare quello dei contribuenti.
Per alcuni Enti sono state introdotte o sono in attesa di approvazione opportune modifiche regolamentari, che tendono a migliorare sensibilmente la sostenibilità di lungo periodo. Tali modifiche hanno riguardato l'introduzione del criterio di calcolo contributivo, l'aumento dell'anzianità contributiva per il diritto a pensione, l'aumento dell'età pensionabile, l'aumento dell'aliquota per il calcolo del contributo soggettivo etc.. Nonostante ciò, alcune riforme permettono solo di dilazionare ma non di evitare l'emergere degli squilibri nelle gestioni previdenziali.
Il permanere di detti squilibri sembra indicare che in futuro si renderanno necessari ulteriori significativi aggiustamenti nelle modalità di calcolo delle prestazioni e/o nei livelli di contribuzione previsti.


Pag. 20

TABELLA 4
INDICAZIONI DAI BILANCI TECNICI
  Anno bilancio tecnico Saldo previdenziale - primo anno negativo Saldo corrente - primo anno negativo Patrimonio - primo anno negativo
ENASARCO 2005 2016 2020 2030
ENPACL 2006 2017 2019 2036
ENPAM - FONDO QA 2003 2018 2017 2028
ENPAM - FONDO QB 2003 2021 2021 2041
ENPAM - MG 2003 2018 2018 2026
ENPAM - FSA 2003 2020 2020 2031
ENPAM - FSE 2003 2004 2004 2008
CASSA FORENSE 2005(a) 2029 2032 2044
CASSA GEOMETRI 2005 2018 2023 2035
INARCASSA 2003 2025 2032 2043
CASSA
NOTARIATO
2005 2020 Sempre positivo(b) Sempre positivo(b)
CASSA
COMMERCIALISTI
2005 2035 Sempre positivo(b) Sempre positivo(b)
CASSA RAGIONIERI 2005 2026 2034 Sempre positivo(b)
ENPAF 2005 Sempre positivo(b) Sempre positivo(b) Sempre positivo(b)
ENPAV 2003 2023 2026 2041
INPGI (gest. princ.) 2005 2022(c) 2023(c) Sempre positivo(b)

(a): Nelle valutazioni non è stato previsto l'incremento del contributo del 2 per cento del contributo integrativo, in quanto ancora non approvato. Tale modifica comporterebbe uno spostamento al 2033 per il saldo previdenziale, al 2038 per il saldo corrente e ad una situazione positiva per il patrimonio per i trent'anni di valutazione.
(b): Positivo per tutto il periodo di valutazione.
(c): Secondo i dati del bilancio tecnico il saldo previdenziale e il saldo corrente tornerebbero positivi rispettivamente nel 2036 e nel 2035.


3.2. Le Casse private (decreto legislativo 10 febbraio 1996, n. 103).

Le Casse private (istituite con il decreto legislativo 10 febbraio 1996, n. 103) riguardano categorie professionali con un minor numero di iscritti (ENPAB, EPPI, ENPAPI, ENPAP, EPAP, INPGI gest. sep., ENPAIA).
Queste Casse sono sostanzialmente «agganciate», per quanto attiene alla modalità di calcolo della pensione, alla legge 8 agosto 1995, n. 335 recante «Riforma del sistema pensionistico obbligatorio e complementare». Esse sono quindi di tipo contributivo e pertanto la pen


Pag. 21

sione viene calcolata in base al montante contributivo accumulato da ogni iscritto, costituito dai contributi versati e dalla loro rivalutazione.
Tale rivalutazione, appare legata a quanto previsto dalla legge n. 335 del 1995 e cioè risulta in base alla «[...]variazione media quinquennale del prodotto interno lordo nominale, appositamente calcolata dall'Istituto Nazionale di statistica, con riferimento al quinquennio precedente l'anno da rivalutare[...]» (articolo 9 della legge n. 335 del 1995).
La problematica strutturale primaria che si presenta per tali enti è da ricondursi alla esiguità delle prestazioni che gli iscritti stanno maturando e di cui beneficeranno nella fase di quiescenza. Tale esiguità in termini assoluti è da ricondursi alla concomitanza di due fattori: la limitatezza dei redditi e la dimensione ridotta della aliquota contributiva. È necessario quindi adottare provvedimenti che favoriscano l'aumento della contribuzione finalizzata alla prestazione.
A tale riguardo, non appare inutile la valutazione dell'opportunità di consentire l'incremento della contribuzione integrativa dal 2 per cento al 4 per cento e di consentire l'utilizzo di tale aumento per incrementare i montanti contributivi individuali. Tale possibilità deve, però, trovare una validazione di tipo normativo, dal momento che il contributo integrativo è attualmente vincolato, sulla base di quanto previsto dal decreto istitutivo di tali Casse, al valore del 2 per cento.
L'individuazione del livello contributivo necessario per ottenere una prestazione adeguata riporta alla problematica relativa al tasso di sostituzione. Il tasso di sostituzione è il rapporto, in termini percentuali, tra la prima rata di pensione e l'ultima retribuzione. Il valore di tale rapporto indica quale percentuale della retribuzione futura dell'individuo, sia pure incognita, verrà mantenuta al suo pensionamento, cioè, quanta parte del suo «tenore di vita» futuro, legato alla retribuzione, potrà «conservare». In tal senso, la stima in termini assoluti del valore futuro della pensione è meno significativa della stima del tasso di sostituzione, cioè della stima relativa al valore futuro del rapporto tra la prima pensione e l'ultima retribuzione.
Il tasso di sostituzione è influenzato, oltre che dal livello contributivo, anche dal tasso di rivalutazione dei contributi, dalla crescita reddituale del soggetto e dai coefficienti di trasformazione utilizzati per il calcolo della pensione.
Per quanto riguarda i coefficienti di trasformazione, cioè i coefficienti che si utilizzano per trasformare, al momento del pensionamento, il montante contributivo in rendita, è opportuno che tali enti li riadeguino «frequentemente». Tale esigenza è motivata dal fatto che scostamenti negativi dei loro valori da quelli effettivi portano ad un deficit che ricade sulla sostenibilità previdenziale del sistema della stessa categoria professionale.
Per quanto attiene in dettaglio alla gestione delle Casse private ai sensi del decreto legislativo 10 febbraio 1996, n. 103, negli anni di riferimento può osservarsi come tali enti si trovino tutti in una fase di evoluzione iniziale della propria gestione previdenziale caratterizzata da tassi di variazione degli iscritti estremamente positivi, a fronte
Pag. 22

di un livello di prestazioni scarsamente significativo. Tali enti attraversano quindi una fase di accumulazione, in cui il patrimonio si accresce costantemente e così i relativi impieghi.
Gli Enti ex 103 non presentano al momento problemi di sostenibilità, in quanto caratterizzati da modalità di calcolo della prestazione di tipo contributivo, d'altra parte il problema di fondo per tali Enti è l'adeguatezza delle prestazioni (cfr. tabella 5).
Circa quest'ultima esistono importanti indicatori, come il tasso di sostituzione, che rivelano l'esigenza di un attento monitoraggio dell'andamento del livello delle pensioni.
TABELLA 5
INDICAZIONI DAI BILANCI TECNICI
  Anno bilancio tecnico Saldo previdenziale - primo anno negativo Saldo corrente - primo anno negativo Patrimonio - primo anno negativo
ENPAP 2002 Sempre positivo(b) Sempre positivo(b) Sempre positivo(b)
EPAP 2004 2038 Sempre positivo(b) Sempre positivo(b)
EPPI 2003 2032 Sempre positivo(b) Sempre positivo(b)
ENPAB 2003 2035 Sempre positivo(b) Sempre positivo(b)
ENPAPI 2004 Sempre positivo(b) Sempre positivo(b) Sempre positivo(b)
INPGI (gest. separata) 2003 2035 Sempre positivo(b) Sempre positivo(b)

(b): Positivo per tutto il periodo di valutazione.


Un altro indicatore interessante (cfr. tabella 6) è il rapporto tra contribuenti e numero di trattamenti pensionistici; per queste Casse tale valore nel 2006 è mediamente intorno a 50. Tale rapporto va visto soprattutto in relazione alle corrispondenti variazioni annue, anche perché assieme al rapporto tra pensione media e contributo medio influenza il parametro entrate/uscite ed in definitiva la stessa stabilità di lungo termine.
Il rapporto tra pensione media e contributo medio costituisce anch'esso un indicatore di sostenibilità finanziaria: l'indice è risultato mediamente pari a 0,5 per le Casse ex d.lgs. n.103 del 1996.


Pag. 23

TABELLA 6
PRINCIPALI INDICATORI ANAGRAFICI ED ECONOMICI DELLE CASSE PROFESSIONALI (DLG. N.103/96) - ANNO 2006
  CONTRIBUENTI/ PENSIONATI PENSIONE MEDIA/ CONTRIBUTO MEDIO
ENPAP 44,9 0,5
EPAP 35,3 0,6
EPPI 16,3 0,4
ENPAB 79,2 0,4
ENPAPI 86,4 0,3
INPGI (gest. separata) 53,2 0,5


4. La situazione patrimoniale mobiliare e immobiliare delle Casse dei professionisti.

Per quanto riguarda le gestioni patrimoniali delle Casse privatizzate, nella tabella 7 sono illustrati gli importi del patrimonio complessivo e la suddivisione dello stesso tra mobiliare e immobiliare, con i rispettivi rendimenti. Si fa presente che è stato preso come riferimento l'ultimo dato disponibile per ciascun Ente.

TABELLA 7
VALORI PATRIMONIALI E RENDIMENTI CASSE EX D.LGS. 509/1994
(importi in milioni di euro)
Enti privati Patrimonio complessivo Patrimonio immobiliare Patrimonio mobiliare Rendimento complessivo Rendimento immobiliare Rendimento mobiliare Anno di riferimento
ENASARCO 5.678 2.956 2.722 3,4% 0,9% 6,1% 2007
ENPACL 493 124 369 4,9% 2,0% 5,9% 2007
ENPAM 7.548 2.796 4.752 3,2% 1,5% 4,3% 2006
CASSA FORENSE 3.428 405 3.023 10,3% 0,8% 11,5% 2006
CASSA GEOMETRI 1.677 399 1.278 2,1% 1,8% 2,2% 2007
INARCASSA 3.196 688 2.508 2,9% 2,4% 3,0% 2006
CASSA NOTARIATO 1.238 495 743 9,5% 3,6% 13,4% 2006
CASSA COMMERCIALISTI 2.393 234 2.159 8,2% 2,2% 8,8% 2006
CASSA RAGIONIERI 1.043 434 609 7,1% 2,0% 10,7% 2006
ENPAF 896 191 705 4,0% 1,9% 4,5% 2006
ENPAIA 1.111 361 750 2,8% 1,4% 3,4% 2006
ENPAV 138 15,3 122,6 7,3% 1,0% 8,0% 2006
INPGI (gest. principale) 1.252 698,3 553,7 4,8% 0,0% 8,3% 2006

Per ogni Cassa risulta importante analizzare la gestione dei patrimoni che hanno in molti casi rendimenti fluttuanti; si osserva soprattutto un calo del rendimento degli investimenti mobiliari negli ultimi anni.
Dai dati emerge il caso particolare dell'ENASARCO, con un patrimonio composto per il 50 per cento da immobili, il cui rendimento, nonostante il tentativo di miglioramento dell'efficienza della gestione, è


Pag. 24

rimasto sempre molto basso (1,1 per cento medio). Per contro la gestione mobiliare, grazie soprattutto alla componente titoli, ha fatto registrare rendimenti di buon livello (intorno al 6 per cento).
Per quanto riguarda la variazione del patrimonio di CNPADC, CNPR, ENPAF, ENPAV, INPGI (Gest. princ.) dal 2004 al 2006 si registra mediamente una crescita di quello mobiliare - con la sola eccezione dell'ENPAV per il quale si registra una contenuta contrazione da 125,3 mln a 122,6 mln - ed una sostanziale stabilità di quello immobiliare, con l'eccezione dell'ENPAF che riduce il proprio patrimonio immobiliare da 235 mln a 191 mln e dell'INPGI (Gest. Princ.) per il quale tale patrimonio cresce da 661 mln a 698,3 mln.
I rendimenti del patrimonio appaiono nel periodo positivi e mediamente elevati. Risulta comunque opportuna una standardizzazione della modalità di valutazione.
In merito alla gestione del patrimonio degli Enti ex 103, si evidenzia un patrimonio costituito quasi esclusivamente dalla componente mobiliare. Il rendimento netto del patrimonio complessivo risulta mediamente soddisfacente negli anni analizzati, tuttavia sarebbe opportuno incrementare gli investimenti con titoli a basso indice di rischio o nel settore immobiliare, anche in considerazione dell'attuale andamento del mercato finanziario.
Per quanto riguarda in particolare l'ENPAB, l'ENPAPI, l'INPGI (Gest. Sep.) si osserva che essendo tali enti di più recente costituzione alla loro «giovane età» è legato il fenomeno di un saldo previdenziale decisamente positivo, in quanto evidentemente si registra un numero di pensionati inferiore a quello dei contribuenti, fenomeno che risulta rilevante ai fini della crescita delle disponibilità patrimoniali che risultano in prevalenza attestate nel settore mobiliare.
Per quanto attiene ai rendimenti del patrimonio, anche per questi Enti appaiono nel periodo considerato positivi e mediamente elevati. Risulta comunque opportuna una standardizzazione della modalità di valutazione.
TABELLA 8
VALORI PATRIMONIALI E RENDIMENTI CASSE EX D.LGS.103/1996
(importi in milioni di euro)
Enti privati Patrimonio complessivo Patrimonio immobiliare Patrimonio mobiliare Rendimento complessivo Rendimento immobiliare Rendimento mobiliare Anno di riferimento
ENPAP 268 5 263 4,2% 0,0% 4,3% 2006
EPAP 322 13 309 5,2% 0,0% 5,5% 2006
EPPI 394 93 301 5,1% 2,9% 5,8% 2006
ENPAB 175,4 3,9 171,5 3,5% 0,0% 3,5% 2006
ENPAPI 115,4 0,8 114,6 3,2% 3,8% 3,2% 2006
INPGI (gest. separata)
143,3 0,0 143,3 7,2% - 7,2% 2006

Pag. 25

Per quanto attiene alla gestione finanziaria del patrimonio mobiliare di tali Enti appare necessario attivare controlli rivolti ad accertare la congruità tra le tipologie di investimento e la finalità previdenziale di quest'ultimo. Si deve tenere conto del fatto che il flusso di uscite per prestazioni di un Ente previdenziale è «abbastanza prevedibile», mentre la maggiore incertezza riguarda le future entrate contributive. Questo fatto può e deve essere utilizzato nella scelta degli orizzonti di investimento.
È in tale ottica che l'utilizzo di strumenti finanziari diretti, derivati e strutturati deve essere inquadrato e giustificato. Risulta pertanto importante accertare che l'utilizzo dello strumento finanziario sia effettuato nella piena consapevolezza, da parte di chi è deputato all'amministrazione delle risorse patrimoniali, sia della natura dello strumento nella sua tipologia qualitativa, il che richiede un'adeguata comprensione dei meccanismi logici che ne sono alla base, sia della sua adeguatezza alla finalità previdenziale. Tali consapevolezze dovranno altresì essere integrate da quella relativa alla misura di esposizione al rischio che l'utilizzo dello strumento finanziario comporta, la cui quantificazione deve essere effettuata in modo realistico secondo un «principio di massima perdita realizzabile» e quindi confrontata con la quantificazione del guadagno realisticamente conseguibile. Atteso che, comunque, nel trade-off rischio-rendimento si deve privilegiare la riduzione del rischio.
Maggiore attenzione deve essere posta in materia di consapevolezza per quanto attiene l'utilizzo di strumenti finanziari più complessi. L'utilizzo di strumenti derivati e/o strutturati deve avvenire solo in presenza di adeguate e documentate valutazioni espressamente effettuate dalle quali deve emergere con chiarezza a fronte del rischio il «profilo di utilità previdenziale attesa».
L'utilizzo di strumenti derivati e strutturati, secondo quanto accertato dal Ministero del Welfare (vedi audizione del Prof. Geroldi dell'11 febbraio 2009), presenta in diversi casi aspetti di criticità in termini quantitativi, nonché eccessivi livelli percentuali di utilizzo. Si ricorda, al riguardo, che la Commissione sta svolgendo un'indagine conoscitiva sulla «situazione economico-finanziaria della Casse privatizzate anche in relazione alla crisi dei mercati internazionali», il cui documento conclusivo darà conto delle risultanze dell'analisi svolta. Appare, infatti, utile un attento approfondimento puntuale sulla natura ed il contenuto degli strumenti effettivamente utilizzati dagli Enti.
In tema di gestioni patrimoniali particolare attenzione dovrebbe quindi essere dedicata alla regolamentazione degli investimenti mobiliari; a tal fine potrebbe essere redatto un provvedimento legislativo simile, nella sostanza, al decreto del Ministro del Tesoro n. 703 del 1996 a suo tempo emanato con riferimento alle forme di previdenza complementare e attualmente in via di aggiornamento.
I due principali obiettivi che tale regolamentazione degli investimenti dovrebbe prefiggersi sono:
- incentivare l'efficienza della gestione;
- garantire la protezione del risparmio previdenziale.


Pag. 26

La normativa dovrebbe seguire due direttrici principali: una di tipo qualitativo e una di tipo quantitativo. Le indicazioni di tipo qualitativo riguardano la sana e prudente gestione, in merito alla diversificazione dei rischi e degli investimenti, alla massimizzazione dei rendimenti netti, al contenimento dei costi. Si tratta di principi generali che devono essere rispettati nell'attività di investimento delle risorse.
Le indicazioni di tipo quantitativo sono tese ad evitare una rilevante presenza di investimenti in strumenti non regolamentati, emessi in paesi che non appartengono all'OCSE, oppure ad evitare l'eccessiva concentrazione in una singola emittente.
Inoltre, l'impostazione dovrebbe tendere a privilegiare il controllo del rischio con i moderni strumenti oggi disponibili, rispetto ad un mero controllo di tipo quantitativo del peso degli assets sul portafoglio e dell'aderenza o meno ai benchmark di riferimento.
Un altro aspetto da tener presente riguarda la trasparenza nelle strategie seguite, oltre che la trasparenza con cui si accede a particolari strumenti finanziari. Infine, un elemento non meno importante deve essere rappresentato dalla vigilanza, che può esplicarsi sia ex ante, mediante indicazioni sui modelli gestionali, sia ex post, verificando la conformità sostanziale delle strutture organizzative, delle politiche di investimento, delle procedure di gestione del rischio con i principi generali posti a tutela degli iscritti.

5. I costi di gestione delle Casse dei professionisti

Altra problematica rilevante per la maggior parte delle Casse è quella relativa ai costi di gestione, che dovrebbero essere razionalizzati e in alcuni casi ridotti. Dall'analisi dei dati emerge che per le Casse ex 509 la crescita dei costi di gestione dal 2004 al 2006 è legata principalmente alla crescita dei costi per il personale, di cui in alcuni casi è aumentata anche la consistenza numerica, anche in relazione all'aumento del numero di iscritti.
Dall'analisi dei dati delle tabelle 9 e 10 emerge che i costi in percentuale del patrimonio sono quasi sempre contenuti a livello inferiore al 2 per cento, sia per le Casse ex 509, sia per le Casse ex 103.


Pag. 27

TABELLA 9
COSTI DI GESTIONE PER CASSE EX D.LGS.509/1994
(importi in milioni di euro)
Enti privati Costi totali (a) Personale Funz. Uffici Organi di gestione Patrimonio (b) Rapporto
(a) / (b)
Anno di riferimento
ENASARCO 43,7 23,5 9,0 0,9 5.678 0,8% 2007
ENPACL 8,8 4,3 2,7 1,0 493 1,8% 2007
ENPAM 115,7 27,6 9,9 3,9 7.548 1,5% 2006
CASSA FORENSE 25,0 13,1 8,0 2,8 3.428 0,7% 2006
CASSA GEOMETRI 29,1 8,5 15,3 2,7 1.677 1,7% 2007
INARCASSA 38,1 11,8 13,1 3,7 3.196 1,2% 2006
CASSA NOTARIATO 7,2 4,0 1,3 1,5 1.238 0,6% 2006
CASSA
COMMERCIALISTI
13 7 1 2 2.393 0,5% 2006
CASSA RAGIONIERI 9 4,7 2,5 1,6 1.043 0,9% 2006
ENPAF 12,96 - - 0,25 896 1,4% 2006
ENPAV 4,62 2,35 - 0,59 138 3,3% 2006
INPGI (gest. princip.) 25,6 10,3 2,1 1,1 1.252 2% 2006
TABELLA 10
COSTI DI GESTIONE PER CASSE EX D.LGS.103/1996
(importi in milioni di euro)
Enti privati Costi totali (a) Personale Funz. Uffici Organi di gestione Patrimonio (b) Rapporto
(a) / (b)
Anno di riferimento
ENPAPI 2,7 0,9 0,6 0,6 115,4 2,3% 2006
ENPAB 1,8 0,4 0,1 0,5 175,4 1% 2006
EPPI 4,5 1,2 1,8 1,2 394 1,1% 2006
ENPAP 3,0 0,8 1,0 1,0 268 1,1% 2006
EPAP 4,1 1,2 0,0 1,3 353 1,2% 2006
INPGI (gest. separata) 1,7 0,7 0,04 0,2 143,3 1,2% 2006


CONCLUSIONI

Il sistema pensionistico italiano nel suo complesso dovrà continuare ad essere gestito a «ripartizione assistita», cioè con rilevanti interventi da parte dello Stato. Non appare, infatti, realistico pensare che nel futuro tali interventi pubblici possano ridursi, data l'entità dello squilibrio previdenziale e assistenziale che comunque permarrà nel sistema.


Pag. 28


Le riforme finora attuate mirano infatti ad evitare ulteriori e non sopportabili disavanzi del sistema pensionistico. Con il progressivo entrare a regime del sistema di calcolo contributivo introdotto con la riforma Dini del 1995 si avrà un consistente ridimensionamento delle pensioni, seppur attenuato dalle possibilità offerte dal sistema previdenziale complementare e dagli effetti dell'innalzamento dell'età pensionabile a decorrere dal 2015, ai sensi della legge n. 102 del 2009.
Tale sistema vede la pensione rapportata a quanto accumulato in fase di attività, cioè al montante contributivo. Montante che dipende sia dai contributi versati, sia dalla dinamica del relativo tasso di rendimento, che per legge è il tasso di variazione medio quinquennale del PIL nominale. Montante contributivo che, al momento del pensionamento, è convertito in rendita pensionistica mediante il coefficiente di trasformazione, che dipende da molte variabili, ma principalmente dall'aspettativa di vita.
L'attuale tasso di variazione del PIL, di segno largamente negativo, incide negativamente e pesantemente sui montanti contributivi al pensionamento e quindi sulle future pensioni contributive. Tale effetto si accompagna a quello di riduzione dei coefficienti di trasformazione a partire dal 2010, riduzione derivante dall'allungamento dell'aspettativa di vita.
L'adeguamento dei coefficienti avverrà, secondo l'attuale previsione normativa, con cadenza triennale. Per salvaguardare l'entità della pensione, l'aumento dell'età di pensionamento risulta il rimedio naturale. Per tali ragioni è importante attivare politiche volte a potenziare il mantenimento in servizio di lavoratori e lavoratrici, oltre che incentivare la previdenza complementare.
Appare altresì fondamentale intensificare i controlli: «dei singoli regimi assicurativi, degli andamenti economico-finanziari del sistema previdenziale obbligatorio, delle dinamiche di correlazione tra attivi e pensionati, e dei flussi di finanziamento e di spesa» (articolo 1, comma 44, della legge n. 335 del 1995) e della definitiva trasparenza tra quanto della spesa previdenziale è coperto da contributi e quanto abbia caratteristiche assistenziali.
Si osserva che il rapporto tra la spesa pensionistica italiana e il PIL, in base al DPEF 2010-2013, raggiungerà il valore del 15,5% già nel 2010, con diversi decenni d'anticipo rispetto a quanto previsto nel precedente DPEF 2009-2012.
Per quanto concerne gli enti di previdenza privati, occorre sottolineare che di giorno in giorno il quadro normativo di molte Casse professionali sta evolvendo grazie alle approvazioni delle riforme in tema di prestazioni e contribuzione da parte degli organi vigilanti.
In particolare per le Casse ex dlgs. 509/1994 il problema principale è rappresentato dalla sostenibilità che migliorerà certamente a seguito delle predette modifiche normative; per le Casse ex dlgs. 103/1996, invece, il problema principale è rappresentato dall'adeguatezza, peraltro almeno in parte in via di soluzione nel caso di approvazione della proposta di aumento del contributo integrativo fino al 5% e la possibilità di destinare parte dei proventi all'aumento
Pag. 29

dei montanti individuali degli iscritti. Si precisa che tale proposta è all'esame della XI Commissione permanente della Camera dei deputati in prima lettura (A. C. 1524).
A proposito del contributo integrativo, si ritiene che in futuro la misura di tale contributo dovrebbe essere allineata tra le varie Casse, con utilizzo sia per le prestazioni, sia per la copertura di spese, sia per la copertura di eventuali rendimenti garantiti.
Inoltre si ritiene opportuno, se non necessario, dare indicazioni riguardo ai criteri di investimento mobiliare, il più possibile omogenei per le diverse Casse, in modo da incentivare l'efficienza delle gestioni e nel contempo garantire la protezione del risparmio previdenziale. Occorre stimolare poi la ricerca di soluzioni praticabili per rendere più redditizi gli investimenti immobiliari.
Oltre a ciò, un'attenzione particolare va rivolta al contenimento delle spese generali, eventualmente stimolando il coordinamento e le sinergie di alcuni servizi comuni alle varie Casse.
Ancora si ritiene opportuno prevedere criteri il più possibile omogenei per la contabilizzazione delle voci di bilancio e per la determinazione dei rendimenti dei patrimoni.
Passando ad aspetti più strettamente tecnici, risulterà utile un riesame dei diversi indicatori richiesti dal decreto ministeriale 29.11.2007, integrandoli eventualmente con ulteriori parametri necessari per l'analisi e il confronto dei bilanci tecnici delle Casse, che la Commissione si riserva di specificare nella prossima relazione al Parlamento.
Inoltre, si sottolinea la necessità di definire in maniera chiara, esplicita ed obiettiva il parametro di riferimento per la sostenibilità delle gestioni previdenziali, tenuto conto che i patrimoni immobiliari di alcune Casse risultano sottovalutati.
Infine, la Commissione ha già convenuto di procedere ad una verifica degli effetti sui bilanci degli enti previdenziali pubblici delle operazioni di cartolarizzazione, anche con riferimento agli immobili invenduti restituiti agli enti stessi.