Camera dei deputati

Vai al contenuto

Sezione di navigazione

Menu di ausilio alla navigazione

Cerca nel sito

MENU DI NAVIGAZIONE PRINCIPALE

Vai al contenuto

Per visualizzare il contenuto multimediale è necessario installare il Flash Player Adobe e abilitare il javascript

INIZIO CONTENUTO

Strumento di esplorazione della sezione Documenti Digitando almeno un carattere nel campo si ottengono uno o più risultati con relativo collegamento, il tempo di risposta dipende dal numero dei risultati trovati e dal processore e navigatore in uso.

salta l'esplora

Temi dell'attività Parlamentare

Innovazione digitale nella scuola e nell'università
Nell'ambito dei numerosi progetti per lo sviluppo delle tecniche digitali nel settore dell'istruzione, il D.L. 112/2008 aveva previsto il passaggio graduale a libri di testo per le scuole disponibili nella rete internet. Il D.L. 5/2012 ha poi disposto l'obbligo di iscrizione telematica alle università e la realizzazione di un portale in italiano e in inglese, mentre il D.L. 95/2012 ha disposto l'obbligo di iscrizione on line alle scuole e l'introduzione della pagella in formato elettronico. Da ultimo, il D.L. 179/2012 ha previsto diverse disposizioni volte ad accelerare il processo di dematerializzazione amministrativa in ambito scolastico e universitario, incluso il passaggio graduale a libri di testo nella versione digitale o mista.

Nell'obiettivo più generale dell'Informatizzazione della pubblica amministrazione, il MIUR e il Ministero per la Pubblica Amministrazione e l'innovazione hanno siglato il 30 ottobre 2008 un Protocollo d'intesa per la realizzazione di programmi di innovazione digitale nella scuola e nell'università.

Il protocollo prevedeva la realizzazione di 5 progetti: Scuole in rete, per il collegamento delle scuole italiane alla rete Internet; Contenuti digitali per la didattica, per l’innovazione delle metodologie didattiche; Servizi scuola-famiglia via Web, per semplificare le relazioni; Anagrafe scolastica nazionale, per realizzare una anagrafe scolastica unitaria; Servizi on-line e Wifi per le università; Università digitale.

Per la realizzazione dei progetti sono stati anche siglati protocolli d'intesa con realtà imprenditoriali e associazioni del settore.

Scuola e università nel Piano di e-government 2012

Il Piano di e-government 2012, presentato dal Governo nel gennaio 2009, ha definito circa 80 progetti, aggregati in 4 ambiti di intervento e 27 obiettivi, volti a modernizzare e rendere più efficiente e trasparente la PA, migliorando la qualità dei servizi erogati a cittadini e imprese e diminuendo i costi per la collettività. 

Con l'Obiettivo Scuola, il MIUR e il Ministero per la PA e l'Innovazione hanno avviato una serie di interventi volti all’innovazione digitale della scuola. In particolare, in tale ambito: è stato realizzato il portale Scuola Mia, che permette alle scuole aderenti all'iniziativa di erogare servizi digitali a studenti e famiglie; sono state distribuite nelle scuole statali oltre 40.000 lavagne interattive digitali (LIM); è stata avviata l’operazione Scuole in WiFi che mira a far sì che le scuole abbiano una connessione gratuita riservata alla didattica.

Il 18 settembre 2012, da ultimo, il MIUR ha stipulato convenzioni con 12 regioni - facendo seguito all'Accordo quadro approvato il 25 luglio 2012 in Conferenza Stato-Regioni - al fine di favorire la diffusione delle tecnologie digitali nel settore dell'istruzione.

L'Obiettivo Università è volto a incrementare l'efficacia e l'accessibilità dei sistemi di istruzione universitaria, semplificare le relazioni amministrative di famiglie e studenti con le istituzioni universitarie, nonché a realizzare la piena condivisione dei dati e l'automazione dei flussi amministrativi tra le stesse istituzioni universitarie e le altre pubbliche amministrazioni centrali e locali. L'obiettivo è articolato in due progetti: Servizi on-line e reti WiFi e Università digitale.
Nell'agosto 2012, da ultimo, il MIUR ha trasmesso agli atenei le nuove Linee Guida elaborate, in collaborazione con il Dipartimento per la digitalizzazione della PA e l'innovazione tecnologica della Presidenza del Consiglio, nell'ambito dell'obiettivo, invitando a recepirne le indicazioni.

I D.L. 112/2008, 5/2012, 95/2012 e 179/2012

L'art. 15 del D.L. 112/2008 aveva previsto che dall'a.s. 2008/2009 doveva essere data la preferenza, nelle scelte dei docenti, a libri di testo disponibili, in tutto o in parte, nella rete internet, e che questa diventava la regola entro l'a.s. 2011/2012. L'art. 11 del D.L. 179/2012 ha poi disposto che, a decorrere dalle adozioni riferite all'a.s. 2014/2015, progressivamente - a partire dalle classi I e IV della scuola primaria, dalla I classe della scuola secondaria di I grado e dalla I e III classe della scuola secondaria di II grado - il collegio dei docenti adotta esclusivamente libri nella versione digitale o mista.

L'art. 48 del D.L. 5/2012 ha disposto l'obbligo di iscrizione telematica alle università e, dall'a.a. 2013/14, la verbalizzazione elettronica degli esami di profitto e di laurea. Ha, inoltre, previsto la costituzione, da parte del MIUR, di un portale unico, almeno in italiano e in inglese, che faciliti agli studenti il reperimento di dati utili per la scelta.

L'art. 7, co. 27-32, del D.L. 95/2012 ha previsto che, dall'a.s. 2012/2013:

  • le iscrizioni alle scuole statali avvengono esclusivamente on line;
  • le scuole redigono le pagelle in formato elettronico. La pagella elettronica ha la stessa validità legale del documento cartaceo, ma gli interessati possono ottenere la copia cartacea del documento elettronico;
  • le scuole e i docenti utilizzano registri on line e inviano le comunicazioni a famiglie e studenti in formato elettronico.

Al riguardo si ricorda che già il 2 ottobre 2008 era stato presentato il Progetto “Scuola/famiglia via web” (registro elettronico, rilevazione di assenze e presenze con comunicazione via cellulare o e-mail, accesso in rete al fascicolo dello studente, prenotazione dei colloqui, pagella on-line).
Inoltre, con circolare n. 108 del 27 dicembre 2011 il MIUR aveva comunicato la nascita, a partire dal 12 gennaio 2012, del progetto “Scuola in chiaro” che mette a disposizione in una forma organica le informazioni relative a tutte le scuole italiane di ogni ordine e grado. Con circolare n. 110 del 29 dicembre 2011, relativa alle iscrizioni per l’a.s. 2012/2013, è stata comunicata la possibilità di utilizzare a tal fine il portale Scuola in chiaro.

L'art. 10 e l'art. 11 del D.L. 179/2012 dispongono, oltre a quanto già visto per i libri di testo:
  • la costituzione del fascicolo elettronico dello studente universitario, dall’a.a. 2013-2014;
  • l’utilizzo esclusivo di modalità informatiche, dal 1° marzo 2013, per i procedimenti relativi allo stato giuridico ed economico del personale della scuola;
  • l'istituzione di centri scolastici digitali in determinate realtà (piccole isole, comuni montani, zone con minoranze linguistiche, aree a rischio di devianza minorile, rilevante presenza di alunni con difficoltà di apprendimento).